.
Annunci online

  Ghirardi [ Che cosa ho a che fare con gli schiavi? ]
         

Mace ëd sangh su la piassa stamatin, an sle pere grise, sul murajon scrostà, doi pòvri fagòt, un preive e dij sassin: a costa mace ‘d sangh la libertà. Carlo Regis


11 novembre 2008

L'orto della classe insegna il gusto della verdura coltivata a scuola

Ecco un mio articolo uscito su La Stampa di domenica 9 novembre nella rubrica "Sostiene Slow Food".

Il pasto a scuola non è sempre vissuto in maniera piacevole. Ancor più spesso i bambini arricciano il naso quando il menù propone frutta e verdura, che finiscono come avanzo nel contenitore dell’umido. La mensa, però, non dovrebbe essere solo un tempo dedicato al nutrimento e al relax (occorrerebbero spazi più confortevoli e tempi meno contingentati), ma dovrebbe essere anche un momento educativo e di formazione del bambino. Se poi si riescono ad attivare percorsi di educazione alimentare che sanno collegare il pranzo in mensa con attività di studio in classe, con esperienze pratiche e laboratori di approfondimento, con visite ad aziende agricole, allora il pasto a scuola può dare importanti risultati sulle abitudini alimentari.
Con gli Orti in Condotta, la rete di orti scolastici nata a metà anni Novanta in California per iniziativa di Alice Waters, vicepresidente di Slow Food, e più di recente giunta anche in Italia, si è tentata con successo questa strada. La peculiarità di questi orti sta nel fatto che, partendo dalla coltivazione di un pezzo di terra nel giardino della scuola, i bambini imparano come nasce la verdura, a conoscere la stagionalità, i saperi contadini e i valori della terra madre. Non solo, gli insegnanti programmano le loro lezioni di storia, di geografia e di geometria. Non mancano occasioni per visitare aziende casearie o agricole, e per cucinare ricette regionali insieme a chef affermati L’orto diventa anche un momento importante di socializzazione tra gli alunni stessi e con i genitori e nonni che vengono costantemente coinvolti nell’iniziativa. Un altro aspetto non va trascurato: i bambini coinvolti in queste esperienze vedono il momento della pausa pranzo con gioia e imparano ad apprezzare la verdura che trovano nel piatto.
Spesso il raccolto dell’orto finisce in mensa, come avverrà l’11 novembre, a San Martino, ricorrenza che è stata scelta per la prima Festa Nazionale degli Orti in Condotta. Ben 151 scuole di tutta Italia martedì festeggeranno la fine dell’anno agricolo e il riposo invernale del loro orto dedicando la giornata alle attività di educazione alimentare e preparando la dispensa per l’inverno. La sera, infine, bambini, insegnanti e genitori si ritroveranno in un’osteria per un saporito momento conviviale.
Davide Ghirardi




permalink | inviato da DavideG il 11/11/2008 alle 9:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre        dicembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



PD Mondovì
Vivavoce Mondovì
lavoce.info
Ignazio Marino
MassimoScavino
Ivan Scalfarotto
Daniele Sensi
Partito Democratico
Mappa Democratica
Mariangela Bastico
Barack Obama
Gianni Cuperlo
Mino Taricco
Alessandro Parola
Andrea Benedino
Andrea Garnero
Luca Sofri
Slow Food
NenS - Nuova economia nuova società
Giovani Democratici Piemonte
L'Unità
PD Cuneo
PD Piemonte
Comune Mondovì


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom